Ottobre 27, 2022

COMUNITÀ DELLE PIE DISCEPOLE DEL DIVIN MAESTRO: UN FARO DI FEDE A SERVIZIO DELLA CHIESA

Sabato 29 ottobre 2022 le nostre suore, le Pie Discepole, celebrano la festa titolare del loro Istituto. Conosciamo più da vicino questa bella realtà presente nella nostra Collaborazione Pastorale, con l'aiuto di sr Luciana Dal Masetto.

Conosciamo più da vicino questa bella realtà presente nella nostra Collaborazione Pastorale, con l'aiuto di sr Luciana Dal Masetto.

Sr. Luciana, come nasce la vostra Congregazione e con quale caratteristica, o meglio, con quale carisma specifico?

La nostra Congregazione nasce nel primo ‘900 e precisamente il 24 febbraio 1924 ad Alba in provincia di Cuneo. Il fondatore, Beato Giacomo Alberione, conquistato dalla figura di S. Paolo che annunciava il Vangelo di Gesù ovunque, una decina di anni prima, aveva avviato una comunità di fratelli e sorelle (paolini e paoline) perché con tutti i mezzi allora conosciuti, soprattutto con la stampa, portassero la Parola di Dio. Presto si accorse che questa opera aveva bisogno di molta preghiera e pensò a un gruppo di giovani donne che sostenessero questo nuovo modo di evangelizzare con l’adorazione continua, giorno e notte. Ed ecco le Pie Discepole del Divin Maestro che come dice il nome, sorgevano con la caratteristica di essere discepole nell’ascolto e nel servizio fraterno.  Parola di Dio, discepolato,  Eucaristia, Sacerdozio, Liturgia sono i nuclei attorno cui gradatamente si è sviluppata la nostra  missione nella Chiesa.

In quanti Paesi sono presenti le Pie Discepole del Divin Maestro?

Le Pie Discepole nel mondo sono presenti in una trentina di Paesi nei cinque Continenti. Da subito la visione del carisma si è manifestata universale e missionaria, animata dallo spirito di  S. Paolo che si è fatto “tutto a tutti” pur di annunciare Cristo  e nello stile di Maria, prima Discepola del Maestro, madre e  regina degli apostoli che dona al mondo il Figlio Gesù.

La Comunità che vive a Villa Rospigliosi di quante suore è composta? Ci dice i loro nomi?

La nostra comunità è formata  attualmente da cinque consorelle ma in passato siamo state anche più numerose.

I nostri nomi sono: Sr. M.  Onorina originaria dal Trentino, Sr. M.  Romana della provincia di Treviso, Sr. M. Davidica di Cremona, Sr. M. Pia di nazionalità brasiliana e la sottoscritta della provincia di Padova.

Quali sono le attività pastorali predominanti di cui vi occupate?

La nostra attività predominante è orientata ad accogliere e servire gli ospiti, singoli o in gruppo  che desiderano vivere tempi  di preghiera, di formazione, di silenzio e meditazione, aiutati anche dalla bellezza della natura in cui la nostra casa è immersa. Il nostro contributo, oltre ai servizi di accoglienza è offerto con la preghiera di adorazione eucaristica quotidiana per ascoltare il Maestro e attingere il dono dell’amore di Dio per noi  e per le persone che si affidano alla nostra preghiera. Proponiamo  anche un programma annuale di iniziative centrato sulla Parola di Dio, la preghiera e la formazione liturgica non escludendo anche altri percorsi culturali. Ci sentiamo inoltre inserite nel territorio e nella nostra chiesa locale, offrendo nei limiti possibili la disponibilità  per qualche ministero necessario al popolo di Dio.

Una domanda personale, infine. Ci può raccontare in breve la sua vocazione e la sua scelta di entrare proprio in questa Congregazione?

La mia vocazione ha le sue radici in una famiglia molto credente, in provincia di Padova. Negli anni ’60 era facile vivere in un contesto di fede da cui nascevano molte vocazioni. Nella mia famiglia c’era una zia suora delle Pie Discepole e tre mie sorelle più grandi che già avevano fatto i primi passi per realizzare la stessa vocazione. Mi affacciai anch’io a questo mondo delle suore ma con titubanza... Tutto però è maturato gradatamente.

All’inizio ero attratta da queste suore perché le vedevo gioiose, dinamiche, moderne (guidavano la macchina). Poi sono stata attratta dallo studio per prepararmi a fare del bene agli altri. Ma non era sufficiente, presto mi trovai giovane suora e scoprii che dovevo ancora imparare a vivere, diventare una donna matura, saper rapportarmi con gli altri e prendere responsabilità. Le difficoltà sono allora diventate una palestra per scegliere non qualcosa da realizzare ma una Persona da seguire: Gesù, mio Maestro.

 La vocazione e la missione delle Pie Discepole divenne anche la mia strada: l’amore alla Parola di Dio, la cura della preghiera e della comunità, la formazione liturgica del popolo di Dio e dei suoi ministri sono stati ambiti in cui sono stata chiamata a servire   e che in qualche modo continuo anche nella nostra casa “Gesù Maestro”, testimoniando che anche oggi è bello seguire Gesù  e servirlo nei fratelli e nelle sorelle che incontriamo.

Contatti
Vuoi ricevere le riflessioni via mail?
Lasciaci il tuo nome e indirizzo.
Quaresima 2021
La Musica del Vangelo
Vivi la Quaresima come “tempo di grazia” e “tempo propizio” per giungere ad un “profondo rinnovamento interiore secondo lo spirito evangelico“
Promuovi delle “prassi profetiche e solidali”, individuali e comunitarie, capaci di aumentare la qualità della vita umana e della convivenza sociale.
[instagram-feed width=100]
Orari Messe
ultime news
Collaborazione Pastorale di
Centrale - Grumolo Ped.te - Zugliano
Graphic Design, Website, UX e UI 
realized by Emanuele Bovina